Diari di viaggio,  Europa,  Francia,  TDM

Chamonix-Mont Blanc : Notte al rifugio Albert 1er e salita dell’aiguille du Tour (3540 metri) (2/3)

Parte 1: Alla conquista del Monte Bianco da Chamonix

Parte 2: Notte al rifugio Albert 1er e salita dell’Aiguille du Tour (3540 metri)

Parte 3: 4 cime al Monte Rosa!

Dopo alcuni giorni di preparazione da soli, partiamo questa volta con la nostra guida, per salire l’aiguille du Tour che è reputata essere una delle cime più facili del massiccio del Monte Bianco. È una gara eccellente per l’acclimatazione all’altitudine e la preparazione tecnica

6° giorno (venerdì 10 agosto): partenza per il rifugio Albert 1er

Oggi è il vero inizio del nostro corso di formazione in alta montagna. La nostra guida, Franck (la sua pagina instagram), viene a prenderci all’appartamento. Siamo felici di incontrarlo per la prima volta

Passiamo qualche minuto a controllare la nostra attrezzatura. Abbiamo quasi tutto quello che ci serve e Franck potrà prestarci i pochi elementi mancanti

Prendiamo la macchina per il Village du Tour. Sul parcheggio, Franck ci affida il nostro equipaggiamento tecnico: casco, imbracatura, piccozza e ramponi

Prendiamo poi una cabinovia fino a Charamillon e poi una seggiovia fino al Col de Balme a 2.191 metri

È a piedi che attacchiamo la salita per raggiungere il rifugio Albert 1er a 2.702 metri di altitudine. All’inizio siamo nella nebbia, poi poco a poco scopriamo il magnifico ghiacciaio del tour che mi ricorda il Perito Moreno in Argentina

Man mano che vediamo la capanna, il pendio diventa più ripido. Questa è la prima volta che usiamo i nostri scarponi rigidi da alpinismo e questa salita tutta in pietra non è affatto divertente

Facciamo una breve pausa picnic sulla terrazza del rifugio con una vista spettacolare, lasciamo l’attrezzatura non necessaria negli armadietti e partiamo verso le 16

Iniziamo la salita domani per imparare a usare i ramponi e praticare la camminata in corda

L’esperimento non è facile, il tempo è capriccioso ed è difficile regolare la temperatura, quindi ho troppo caldo. L’altitudine mi fa venire il mal di testa e ho l’inizio di una vescica sui talloni

Dopo circa 300 metri di salita, iniziamo la discesa per essere in tempo per la cena. Vincent ci gratifica con una bella scivolata sulle natiche al rallentatore (nota artistica: 7/10), per fortuna c’è Franck a fermare la sua inesorabile discesa

Durante la discesa, sono l’ultima corda e mi viene un colpo di pressione quando vedo una roccia cadere a monte. Fortunatamente, la maggior parte delle rocce si ferma lungo il percorso e ho il tempo di attraversare per evitare i residui

Torniamo alle 18:30, giusto in tempo per la cena. Ci godiamo ancora una volta il piacere di toglierci le scarpe pesanti per infilare i piedi nelle comode Crocs

La cena è deliziosa: zuppa, couscous e torta frangipane. Sorprendentemente, l’acqua è potabile (è acqua filtrata dal ghiacciaio) mentre la maggior parte dei rifugi non ne hanno e vendono acqua in bottiglia, consegnata in elicottero, ad un prezzo proibitivo

Per coloro che sono interessati, il rifugio Albert 1er offre anche servizi di ristorazione per gli escursionisti giornalieri. Le tariffe sono molto convenienti

Una volta finita la cena, non ci fermiamo molto, prepariamo le valigie per il giorno successivo e andiamo a letto verso le 21 nel nostro comodo dormitorio da 12 persone. Con una magnifica vista sul ghiacciaio! Franck dorme in un altro dormitorio dedicato alle guide

Giorno 7 (sabato 11 agosto 2018): in cima all’aiguille du Tour!

La sveglia suona alle 4 del mattino, non è così difficile perché la notte è stata buona con i miei tappi per le orecchie e la mia maschera per dormire

Facciamo una colazione veloce (non eccezionale, niente di salato è previsto per quelli come Vincent o me che preferiscono salumi, uova o formaggio al mattino)

Partiamo alle 5 di notte, con casco e fari accesi. I nostri zaini sono leggeri perché tutto ciò che non è essenziale viene lasciato al rifugio

Dopo qualche minuto di arrampicata sulle rocce, abbiamo messo i ramponi e ci siamo messi in corda tutti e cinque. Scopriamo questa particolarissima atmosfera di silenzio che solo la penetrazione dei nostri ramponi nella neve disturba e il buio quasi totale, tranne le luci delle corde che vediamo in lontananza

La notte è stata fredda, la neve è ghiacciata e più dura di quando abbiamo esplorato la sera prima

Durante la salita, il sole sorge e abbiamo diritto a magnifici panorami

Dopo alcune ore di arrampicata, arriviamo alla base dell’ago. Rinunciamo a bastoni e ramponi per scalarlo. Le mie grandi gambe sono molto utili e dopo qualche minuto di sforzo, siamo in cima a 3.540 metri!

Restiamo qualche minuto ad ammirare il panorama ed è ora di tornare giù, una parte che non mi piace perché è traumatica per le ginocchia

Alle 11:30 siamo di nuovo al rifugio. La salita è durata 4 ore e ci sono volute 2 ore e 30 per tornare giù

Picnic, imbustamento e discesa al parcheggio attraverso gli impianti di risalita. Questa discesa tutta in pietra non è una passeggiata. Anche se i nostri scarponi da alpinismo sono perfettamente adatti alla neve, la mancanza di flessibilità rende l’avanzamento sul terreno roccioso una vera sfida

Durante questa discesa, Etienne scivola su una pietra e si ferisce alla coscia. Se a caldo il dolore non è troppo acuto e gli permette di continuare, siamo preoccupati per quello che succederà dopo. Sarà operativo domani per il resto del corso?

Siamo di nuovo al parcheggio verso le 13 e torniamo a Chamonix.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *